Resina Epossidica Colorata: opere d’arte con la resina

Resina epossidica colorata

Resina Epossidica Colorata: opere d’arte con la resina

La resina epossidica colorata è un mezzo artistico adottato sempre di più da artisti, appassionati di bricolage, e della realizzazione di piccola oggettistica. Permette, infatti, di realizzare opere in cui viene dato spazio alla creatività e al design, ed è utilizzabile sia dai professionisti del settore, ma anche dagli amatori. La resina trasparente è un materiale ideale per la colorazione e, non a caso, è stata protagonista di un successo sorprendente nell’ambito edile, industriale e artistico. Con questa guida firmata Cores Resine, ti porteremo alla scoperta delle mille sfumature colorate che la resina epossidica può assumere, nonché dei modi in cui colorarla e renderla una vera opera d’arte.

Resina epossidica colorata: quali colori scegliere

Quando si tratta di colorazione della resina epossidica, è bene prestare attenzione alla tipologia di colore da usare. È necessario prediligere quei colori creati appositamente per la resina epossidica, i quali – per la maggior parte – contengono già una piccola percentuale di resina epossidica al loro interno.

Esistono essenzialmente tre tipologie di coloranti: in polvere, liquidi e in paste. I pigmenti in polvere sono utilizzati in particolar modo per creare determinati effetti sulla superficie resinosa, in quanto tendono a non sciogliersi completamente. Quindi se l’effetto che si intende ottenere è una resina epossidica ben pigmentata, conviene spostarsi su un altro genere di colorante.

I coloranti più adatti alla resina epossidica sono indubbiamente quelli liquidi o in paste i quali, solitamente, non solo sono più funzionali ma anche più economici. Sono ottimi per essere miscelati insieme alla resina epossidica nella sua composizione bicomponente o tricomponente, rispettando specifiche percentuali.

Vi sono diversi sistemi resinosi su cui lavorare con i coloranti e non concernono necessariamente il bricolage.

Sistemi resinosi colorati, industriali e residenziali

La resina epossidica colorata non la si intravede esclusivamente nel settore fai da te, bensì è destinata anche ad usi edili e industriali. A tal proposito, distinguiamo differenti sistemi resinosi con resina epossidica colorata:

  • Rivestimenti pellicolari a film sottile, che vantano di una buona omogeneità cromatica;
  • Livelline pavimentanti tricomponenti cementizie ad uso industriale, che godono di un’altissima resistenza e sono colorabili per non peccare mai di design;
  • Pavimentazioni materiche, per rendere l’ambiente raffinato con il colore desiderato;
  • Rivestimenti autolivellanti, che mostrano un’ottima estetica cromatica.

 

 

Nell’ambito industriale i rivestimenti in resine ricoprono un ruolo indispensabile, in quanto sono ultra-resistenti, dalle caratteristiche anti-umidità e anti-graffio. Sicuramente il loro scopo non è a fini estetici, però sono comunque colorabili a seconda delle esigenze del cliente. Qui i colori possono essere sfruttati strategicamente, pensando alla struttura e ai possibili difetti che essa presenta.

I rivestimenti resinosi residenziali hanno lo scopo principale di esaltare l’estetica di un ambiente, motivo per cui vengono sfruttati in case, uffici, hotel e locali. Qui il connubio tra stile e creatività è il protagonista dell’opera, in quanto vi è la necessità di decorare un pavimento di design e che sia armonioso con l’impronta stilistica dell’ambiente. In particolar modo è necessario nominare le pavimentazioni autolivellanti monocromatiche o pluricromatiche. Queste ultime incorporano uno spazio in cui l’unico limite è la fantasia. È possibile usare un unico colore o realizzare veri e propri effetti colorati sulla resina, tra cui sfumature. Senza considerare l’ipotetico utilizzo di polveri speciali – come le polveri madreperlate o metalliche – che possono rendere la pavimentazione ancora più peculiari.

Il Fai-Da-Te è sempre ben accetto con la resina epossidica colorata

Oppure si può tornare al bricolage, passione che sempre più persone coltivano all’insegna del relax e dello svago. Anche in questo caso si può utilizzare la resina epossidica colorata per creare oggetti di ogni genere – tramite appositi stampi – dove poter inserire anche inserti. Realizzare posaceneri, fermacarte, ciondoli, bigiotteria, portachiavi è possibile anche grazie all’uso di coloranti specifici, che renderanno questi oggetti delle piccole opere d’arte.

Esempi resina epossidica colorata: come colorare

Prendiamo come esempio di Cores Resine gli autolivellanti A400WP e A400HR. Stiamo parlando di sistemi tricomponenti (A+B+C) il cui colorante può essere già all’interno della miscela stessa oppure fornito a parte. Da ricordare è la percentuale di colorante da inserire: il 2% del peso totale di A+B+C. Dunque il pigmento sarà aggiunto direttamente in A con cui andrà miscelato, per poi mescolare insieme B e, infine, inserire la carica C.

Se si desidera ottenere un effetto traslucido utilizzando coloranti, allora è bene fare riferimento alla resina autolivellante trasparente. In questa miscela andrà aggiunto soltanto lo 0,1 % di colorante. Solo così si otterrà un effetto trasparente colorato dal design singolare.

Un consiglio che deve sempre valere in fase di miscelazione è l’accuratezza. Miscelare i componenti con cura e precisione è sinonimo di lavoro di qualità.

Accorgimenti nella scelta della resina epossidica colorata

Quando si intende colorare la resina epossidica, bisogna sempre osservare alcune “regole” che possono aiutare nella riuscita dell’effetto desiderato. Ecco qualche suggerimento da tenere a mente.

  •  Non affidarsi a coloranti contenenti una percentuale di acqua, in quanto il risultato potrebbe essere negativo;
  •  Ricercare coloranti ad alta pigmentazione, in base agli scopi personali;
  •  Informarsi sempre sulla qualità dei coloranti;
  •  Reperire informazioni sulla resistenza dei colori alla luce.

Se si è alla ricerca di una resina epossidica colorata già pronta all’uso, allora il prodotto migliore che fa al proprio caso è Epoxycristal NGW. Si tratta di una resina bicomponente colorata, decorativa e altamente coprente. Perfetta sia per la realizzazione di piccoli oggetti di design e per l’ottenimento di effetti decorativi spatolati-nuvolati, che per la creazione di pannelli e quadri in resina.

Chiedi il parere di un esperto

Sei alla ricerca di un colorante specifico o di una resina epossidica colorata, ma non sai come muoverti? Richiedi il parere di Alessandro Nallio di Cores Resine, che saprà indicarti con estrema professionalità e gentilezza la scelta migliore in base al tuo scopo. Grazie al suo intervento sarai capace di acquistare la resina e i coloranti corretti, ottenendo importanti nozioni sul ciclo applicativo ideale.

Dona vita alla tua fantasia: fallo con i prodotti affidabili e di qualità di Cores Resine. CONTATTACI QUI 

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello:

AFFRETTATI!

EBOOK GRATUITO

Compila il breve sondaggio e ricevi l'ebook di 42 pagine "5 lezioni sulle resine per rivestimento", a cura dei nostri tecnici formatori Cores.