Resina Epossidica: cos’è e dove, come si usa

resine epossidiche

Resina Epossidica: cos’è e dove, come si usa

 

resine epossidiche

Materiali come la resina epossidica sono polimeri termoindurenti con reazione a freddo. Il formulato è, di norma, costituito da una resina base (componente A) e da un indurente (componente B), i quali, miscelati nel rapporto d’uso indicato dal produttore (rapporto di catalisi), si solidificheranno, dando origine ad uno strato vetrificato lucido

Dove e quando viene utilizzata la Resina Epossidica?

La resina epossidica è utilizzata in diversi settori. Oltre alle pavimentazioni decorative ad uso civile, gli ambiti applicativi sono: industria elettrica-elettronica in quanto è un materiale isolante; nel settore nautico o aereo-spaziale in combinazione con tessuti rinforzati (fibre di vetro, di kevlar o carbonio); nel settore alimentare e farmaceutico per le caratteristiche di resistenza chimico-meccanica e nel settore edile per numerosi interventi di consolidamento e ripristino.

La resina epossidica può essere utilizzata per realizzare quadri, lampade, tavoli e oggettistica. Per esempio, se si desidera ottenere un effetto trasparente ad alto spessore con all’interno piccoli elementi come conchiglie, monete e pietre, si utilizza il nostro prodotto OCEAN EPOXYCRISTAL . Quest’ultimo conferisce alla creazione un effetto tridimensionale eccezionale.

Come viene utilizzata la resina epossidica?

Se si vuole realizzare un pavimento in resina monocolore su una superficie su sfondo in massetto di cemento si procede in questo modo:

– Preparazione del supporto;resine epossidiche colorate

– Applicazione del primer EPOXYRESIN LPL;

– Sul fresco di primer si applica la sabbia di quarzo a rifiuto;

– Si carteggia e si aspirano le polveri;

– Si applica ANCOR 400 WP a spatola, spessore 2 mm, del colore RAL prescelto.

Il ciclo a questo punto è concluso.

Se la superficie da rivestire è piastrellata, il primo passaggio da fare è chiudere le fughe con ANCOR 400 ECT . Quest’ultimo viene rasato a zero direttamente sulle piastrelle perfettamente pulite ed asciutte.

Il giorno successivo, quando ANCOR 400 ECT è catalizzato, si procede con la preparazione del fondo come nel caso di un massetto in cemento.

Perché scegliere di utilizzare la Resina Epossidica?

Le resine epossidiche hanno il grande vantaggio di poter essere utilizzate non solo in ambito industriale, ma anche in quello civile. Questo perché la reazione avviene a freddo senza dover essere provvisti di forni o attrezzature specifiche.

Inoltre le resine epossidiche non hanno il problema di sviluppare odori di solventi in quanto sono quasi completamente inodore. Infine se si decide di rivestire un pavimento già ricoperto, non è necessaria la demolizione delle piastrelle preesistenti (limitando al minimo i costi).

Hai bisogni di consigli? Chiedi a Cores Resine

Ti serve un prodotto specifico o vuoi iniziare dei lavori? Chiedi agli esperti di Cores Resine, ti sapranno aiutare. Se hai bisogno di qualsiasi altra informazione, CONTATTACI! 

 

 

Condividi questo post

Comments (4)

  • Paolo Maccallini rispondere

    Buongiorno,
    sono un neofita di questo prodotto e gradirei avere un po’ di informazioni. Premetto che il mio intento è quello di applicare la resina epossidica sul legno, per realizzare tavoli, superfici e altri oggetti. Mi sto ispirando a dei video che ho trovato su youtube nei quali si realizzano tavoli ed altri oggetti, ma ho necessità di conoscere alcune caratteristiche, come ad esempio tempo di solidificazione, se la temperatura dell’ambiente è importante, formula per calcolare la quantità di resina da utilizzare, quantità di pigmento da utilizzare, nonchè quale tipo di resina è più adatta.
    Molte grazie
    buon lavoro

    Luglio 20, 2022 a 10:21 am
    • Alessandro Nallio rispondere

      Buongiorno Paolo e grazie del commento, per confrontarci meglio mi scriva su WhatsApp 329 227 7332.
      Alessandro

      Luglio 20, 2022 a 10:42 am
  • Massimo rispondere

    Salve
    Sul piano doccia di un camper dovrei riempire un incavo che percorre il bordo del piano stesso per evitare che si riempia d’acqua ogni volta che si usa la doccia, l’incavo è largo 3 cm circa e lungo una cinquantina di cm o poco più e alto 1,5 cm, le superfici di contatto sono legno nautico e la plastica del piano doccia. Mi chiedevo se usando la resina trasparente come riempitivo potessi risolvere il problema sopra elencato

    Settembre 19, 2022 a 3:25 pm
    • Alessandro Nallio rispondere

      Buonasera Massimo e grazie del commento, per confrontarci meglio mi scriva su WhatsApp 329 227 7332.
      Alessandro

      Novembre 13, 2022 a 9:10 pm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello:

AFFRETTATI!

EBOOK GRATUITO

Compila il breve sondaggio e ricevi l'ebook di 42 pagine "5 lezioni sulle resine per rivestimento", a cura dei nostri tecnici formatori Cores.